Natalia - Ragusa - Escortmonella | La Community di PUNTERFORUM

Natalia - Ragusa - Escortmonella

Registrato
4 Aprile 2013
Messaggi
1.739
Reaction score
102
Località
Sicilia
CARATTERISTICHE GENERALI

NOME INSERZIONISTA: Natalia, Vera pompinara, Morena, Alessandra, Radunia, Delia Mamiron altri ancora
RIFERIMENTO INTERNET: http://www.escortmonella.com/ragusa/natalia-escort-girl-ragusa-2049
RIFERIMENTO INTERNET: http://ragusa.bakecaincontrii.com/donna-cerca-uomo/sconto-stasera-scopate-inculate-n98m52120788
CITTA DELL'INCONTRO: Floridia
DATA DELL’INCONTRO: Fine novembre del 2012
NAZIONALITA': Pensavo rumena, ma invece albanese (a detta di lei)
ETA': Sui 25
CONFORMITA' ALL'ANNUNCIO: Conforme
SERVIZI OFFERTI (vedi DIZIONARIO): BJ, Daty, Leccata di palle, Rai1, Rai2, DP, Gangbang ecc...
SERVIZI USUFRUITI: BJ, Rai, Rai2
COMPENSO RICHIESTO: 100 (se ricordo bene)
COMPENSO CONCORDATO: 100 (vedi sopra)
DURATA DELL'INCONTRO: Una mezz’ora
DESCRIZIONE FISICA: Uguale alle foto: una normalissima ragazza, altezza media, capelli tinti, poco seno, bel culo
ATTITUDINE: La via di mezzo tra Freud e un film porno
REPERIBILITA': Facile
PRESENZA DI BARRIERE ARCHITETTONICHE: Un gradino
INDEX RICERCHE (numero telefonico nel formato 1234567xx): 32011944xx - 39285504xx


Il posto lo conoscevo: il solito trombodomo in via Vittorio Emanuele. C’ero già stato una volta, un anno fa circa. Una scopata che potrebbe dare lo spunto ad un episodio di ‘Ai confini della realtà’ (Una lunga storia che ha a che fare con una rumena sociopatica che non vi sto a dire...)
LA MIA RECENSIONE: È cominciata così. Tempestava di annunci la bekeca, un fottio di inviti a prenderla davanti, dietro, sopra, sotto, e così, colà... sta di fatto che dopo un po’ ne ero plagiato. Peggio della CIA, lei. Fossi stato suo prigioniero avrei spifferato tutti i più segreti segreti di Stato, la Patria sarebbe andata in vacca a tempo di record! Di lì in un niente ecco una voglia irrefrenabile di sbatterglielo nel tafanario, di trivellarle il culo che nemmeno Daniel Day-Lewis ne ‘Il petroliere’. Ne ero succube. Lo dovevo fare. Un pensiero fisso quello d’incularla. La mente è debole, si sa. Non si ragionava più!..
La chiamo allora la mattina di un sabato, fisso un rendez-vous per il pomeriggio, di lì a qualche ora. Al telefono mi sembra simpatica, mi da l’indirizzo, riattacco.
L’odissea comincia non appena metto piede a Floridia. Arrivo all’indirizzo che mi ha dato: è un garage. La chiamo, mi dice che ho capito male il numero e me ne da un altro. È sempre in quella strada, qualche centinaio di metri più avanti. C’è un negozio di animali lì. Mi guardo attorno, per cercare di capire fosse là, nelle vicinanze, ma nulla. Solo negozi, casupole, un vecchio edificio abbandonato, perfetto per una crack house. La chiamo di nuovo. Ho sbagliato di nuovo indirizzo, dice. Me ne da un altro totalmente diverso da quello di prima, che nemmeno fossi stato sordo stonato avrei mai potuto confonderli. Faccio per sfancularla, anche perché il sospetto che la ragazza non ci stesse tanto con la cucuzza si faceva sempre più strada nei miei pensieri, ma alla fine desisto. L’oscuro passeggero è lì che insiste. Dexter mi faceva una sega. Vado.

Sta parlando al cellulare quando apre la porta. Mi fa un cenno, mi guida verso la camera da letto. Non mi caga nemmeno di striscio. Si siede a letto, comincia a messaggiare. La cosa va avanti per un po’, con me che me ne sto lì con la mia espressione da ‘Ma che cazzo sta succedendo qui?’ stampata in faccia. La cosa finisce, posa il cellulare e ancora seduta mi domanda (testuali parole): «Cos’hai mangiato oggi? Cos’hai mangiato ieri? Cos’hai mangiato domani?»
Io mi guardo attorno sospettoso, sempre più aspettandomi di trovare Norman Bates con tanto di parrucca della madre lì tutto contento di affettarmi il culo a coltellate, ma niente! Non ricordo che le ho detto. Scambiamo qualche parola, poi, pagate le cento cucuzze, mi spoglio e mi siedo accanto a lei, che è ancora vestita. La guardo incuriosito, lei mi fa qualche domanda, mi chiede come mi chiamo. Le dico un nome a caso, le faccio la stessa domanda. Lei sta lì a pensarci su, dieci, venti secondi, con gli occhi rivolti in alto. Dopo un bel po’ si ricorda come si chiama, me lo dice. La situazione è talmente grottesca che ormai resto per pura curiosità. Devo sapere dov’è che andremo a finire!
Detto questo la spoglio. Le sfilo il golfino annodato sotto le tette, le tiro via gli short a jeans assieme al perizoma. Rimane finalmente nuda. Le smanetto le tette, le titillo la fica. Lei mi massaggia le palle e, previo incappucciamento, comincia finalmente a succhiarlo. Dopo cinque secondi si rialza. Cinque secondi cronometrati. «Ho voglia di un po’ di cioccolata!» dice. «Cosa?» Si volta e prende una barretta di cioccolata dal comodino, la scarta, ne rompe qualche quadrato e ci mettiamo a mangiare. È la cosa più assurda che mi sia mai capitata! Ci fosse stato Kafka si sarebbe fatto una fortuna con lei!
Finito il pic-nic riprende la pompa. Lo succhia con gusto, questo lo si deve dire. Io sono ancora seduto, lei china su di me. La prendo per i capelli, lei va su e giù, l'accompagno con la mano.
Finito si sdraia, la prendo da sopra, la faccio voltare, da dietro. Le infilo un dito nel culo. Si risdraia di nuovo, allora, a pancia in su, faccio per sintonizzare Rai2. Lei si ferma, vuole cambiare letto. (Nella stanza c’erano tre letti: uno matrimoniale, al centro, e due letti singoli ai due lati della camera). Le dico che la cosa non ha senso, ma non ne vuole sapere. Cambiamo letto.
A meno che non se ne sia stata tutto il tempo con lo stringiculo, l’aveva davvero stretto il pertugio. Giuro! Mi unge, entro dentro. Prima piano, poi sempre più convinto, mi faccio strada. La cosa va avanti per un bel po’. Le aro il buco del culo che è un piacere. Quando vengo, come mio solito, m’intrufolo più che posso, do l’ultimo colpo di reni. C’entro fino alle palle. Lei cerca di disarcionarmi, ma le riesce mica. La cosa finisce.

Mi rivesto. Subito le arriva una telefonata. In men che non si dica ecco comincia a sbraitare peggio di un hooligan, non ho idea di quel che dica ma è incazzata come una iena. Sfancula il cellulare, lo lancia contro il muro, quello esplode peggio di uno shrapnel. Continua a sgolarsi. «Ecco ci siamo...» mi dico, «Sei finito nel covo di una psicopatica. Fra qualche ora sarai finito nel congelatore, come minimo, il povero Ted servito in salmì con un piatto di fave e un bel chianti...» Ma niente! Da che era posseduta dallo spirito di Vittorio Sgarbi subito si calma. Va a prendere il cellulare, rimonta batteria e coperchio. Si mette a scherzare. Mi accompagna alla porta che è ancora nuda, la spalanca. L’appartamento da sull’androne d’ingresso di un condominio. Pure Ray Charles avrebbe potuta vederla, lì, con la fica al vento, e da un capo all’altro della strada per giunta. Il portone che da sulla strada è praticamente a vetri. Fuori c’è uno che aspetta. Sto per dirgli: «Scappa finché sei in tempo!..» ma è troppo tardi. La porta è già chiusa, come in un film di Tobe Hooper...
 

Allegati

  • 78.jpg
    78.jpg
    57,1 KB · Visite: 2.441
  • 79.jpg
    79.jpg
    38,5 KB · Visite: 580
  • 80.jpg
    80.jpg
    22,8 KB · Visite: 525
Ultima modifica di un moderatore:
C

carmelo70

Ospite
Ospite
Avrei pagato, non lei....avrei pagato per vedere la scena.... :rofl:
 
Commenta
Registrato
6 Ottobre 2012
Messaggi
42
Reaction score
0
Grande Ted, la prima escort che per farsi trovare organizza una caccia al tesoro. Per non parlare del resto .. Comunque avevo notato la ragazza, ed un sabato la chiamai pure, ma notai una cosa che stonava nella chiamata perciò lasciai perdere (praticamente dall'inizio della chiamata fino alla fine, mentre chiedevo info, si sentiva in sottofondo una ragazza che gemeva urlando, come se venisse sfondata da un cavallo).

Tra l'altro chiedendo in giro e leggendo altri forum, si dice che sia una tossica, da qui il suo comportamento ai limiti dell'assurdo.. probabilmente quando lancia il telefono è perchè lo spaccino non può fornirle la dose .. bel coraggio, bravo :)
 
Commenta
Registrato
4 Aprile 2013
Messaggi
1.739
Reaction score
102
Località
Sicilia
  • Creatore Discussione
  • #5
Grande Ted, la prima escort che per farsi trovare organizza una caccia al tesoro. Per non parlare del resto .. Comunque avevo notato la ragazza, ed un sabato la chiamai pure, ma notai una cosa che stonava nella chiamata perciò lasciai perdere (praticamente dall'inizio della chiamata fino alla fine, mentre chiedevo info, si sentiva in sottofondo una ragazza che gemeva urlando, come se venisse sfondata da un cavallo).

Tra l'altro chiedendo in giro e leggendo altri forum, si dice che sia una tossica, da qui il suo comportamento ai limiti dell'assurdo.. probabilmente quando lancia il telefono è perchè lo spaccino non può fornirle la dose .. bel coraggio, bravo :)

Letto questo mi sento un gran bel pezzo di merda, non c'è che dire, ma, comunque, quando l'ho chiamata al telefono mi è sembrata normalissima: non era né esaltata né si sentiva in fottofondo alcunché di strano. Anche durante l'incontro mi è parsa normale, un po' particolare questo sì, ma non strafatta. Non ho una gran dimestichezza coi tossici, ma lei non mi è sembrata tale. A parte questo non so che dirti!.. L'ho vista solo una volta quasi un anno fa, e fino a poco fa non avevo idea di tutto questo...
 
Commenta
C

carmelo70

Ospite
Ospite
Tra l'altro chiedendo in giro e leggendo altri forum, si dice che sia una tossica, da qui il suo comportamento ai limiti dell'assurdo.. probabilmente quando lancia il telefono è perchè lo spaccino non può fornirle la dose .. bel coraggio, bravo :)

perdonatemi se dico una boiata, ma questo non è contro la policy?
 
Commenta
Registrato
6 Ottobre 2012
Messaggi
42
Reaction score
0
Non credo sia permesso mettere link di altri forum, mrtromba. Carmelo70, in cosa sto andando contro la policy?
 
Commenta

Hawkeye

MODERATORE
Membro dello Staff
Moderatore Globale
Registrato
12 Gennaio 2012
Messaggi
9.788
Reaction score
4.731
Località
Vergate sul Membro
Si riferisce al fatto che bisogna andare cauti ad etichettare una persona come tossica, anche se queste sono le voci che circolano. Appunto, "voci", "si dice" ecc. ecc.

A parte che le notizie sulla salute delle persone sono protette dalla legge sulla privacy, e una persona, anche se tossicodipendente può benissimo denunciare chi lo divulga, a maggior ragione se è una presunzione piuttosto che una certezza, ricordo sempre il rischio di "marchiare" magari a torto una persona.
 
Commenta
Registrato
22 Febbraio 2011
Messaggi
1.414
Reaction score
3
Località
Qua e la' negli oceani
CARATTERISTICHE GENERALI

NOME INSERZIONISTA: Natalia, Vera pompinara, Morena, Alessandra, Radunia, Delia Mamiron altri ancora
RIFERIMENTO INTERNET: http://www.escortmonella.com/ragusa/natalia-escort-girl-ragusa-2049
RIFERIMENTO INTERNET: http://ragusa.bakecaincontrii.com/donna-cerca-uomo/sconto-stasera-scopate-inculate-n98m52120788
CITTA DELL'INCONTRO: Floridia
DATA DELL’INCONTRO: Fine novembre del 2012
NAZIONALITA': Pensavo rumena, ma invece albanese (a detta di lei)
ETA': Sui 25
CONFORMITA' ALL'ANNUNCIO: Conforme
SERVIZI OFFERTI (vedi DIZIONARIO): BJ, Daty, Leccata di palle, Rai1, Rai2, DP, Gangbang ecc...
SERVIZI USUFRUITI: BJ, Rai, Rai2
COMPENSO RICHIESTO: 100 (se ricordo bene)
COMPENSO CONCORDATO: 100 (vedi sopra)
DURATA DELL'INCONTRO: Una mezz’ora
DESCRIZIONE FISICA: Uguale alle foto: una normalissima ragazza, altezza media, capelli tinti, poco seno, bel culo
ATTITUDINE: La via di mezzo tra Freud e un film porno
REPERIBILITA': Facile
PRESENZA DI BARRIERE ARCHITETTONICHE: Un gradino
INDEX RICERCHE (numero telefonico nel formato 1234567xx): 32011944xx



LA MIA RECENSIONE: È cominciata così. Tempestava di annunci la bekeca, un fottio di inviti a prenderla davanti, dietro, sopra, sotto, e così, colà... sta di fatto che dopo un po’ ne ero plagiato. Peggio della CIA, lei. Fossi stato suo prigioniero avrei spifferato tutti i più segreti segreti di Stato, la Patria sarebbe andata in vacca a tempo di record! Di lì in un niente ecco una voglia irrefrenabile di sbatterglielo nel tafanario, di trivellarle il culo che nemmeno Daniel Day-Lewis ne ‘Il petroliere’. Ne ero succube. Lo dovevo fare. Un pensiero fisso quello d’incularla. La mente è debole, si sa. Non si ragionava più!..
La chiamo allora la mattina di un sabato, fisso un rendez-vous per il pomeriggio, di lì a qualche ora. Al telefono mi sembra simpatica, mi da l’indirizzo, riattacco.
L’odissea comincia non appena metto piede a Floridia. Arrivo all’indirizzo che mi ha dato: è un garage. La chiamo, mi dice che ho capito male il numero e me ne da un altro. È sempre in quella strada, qualche centinaio di metri più avanti. C’è un negozio di animali lì. Mi guardo attorno, per cercare di capire fosse là, nelle vicinanze, ma nulla. Solo negozi, casupole, un vecchio edificio abbandonato, perfetto per una crack house. La chiamo di nuovo. Ho sbagliato di nuovo indirizzo, dice. Me ne da un altro totalmente diverso da quello di prima, che nemmeno fossi stato sordo stonato avrei mai potuto confonderli. Faccio per sfancularla, anche perché il sospetto che la ragazza non ci stesse tanto con la cucuzza si faceva sempre più strada nei miei pensieri, ma alla fine desisto. L’oscuro passeggero è lì che insiste. Dexter mi faceva una sega. Vado.

Sta parlando al cellulare quando apre la porta. Mi fa un cenno, mi guida verso la camera da letto. Non mi caga nemmeno di striscio. Si siede a letto, comincia a messaggiare. La cosa va avanti per un po’, con me che me ne sto lì con la mia espressione da ‘Ma che cazzo sta succedendo qui?’ stampata in faccia. La cosa finisce, posa il cellulare e ancora seduta mi domanda (testuali parole): «Cos’hai mangiato oggi? Cos’hai mangiato ieri? Cos’hai mangiato domani?»
Io mi guardo attorno sospettoso, sempre più aspettandomi di trovare Norman Bates con tanto di parrucca della madre lì tutto contento di affettarmi il culo a coltellate, ma niente! Non ricordo che le ho detto. Scambiamo qualche parola, poi, pagate le cento cucuzze, mi spoglio e mi siedo accanto a lei, che è ancora vestita. La guardo incuriosito, lei mi fa qualche domanda, mi chiede come mi chiamo. Le dico un nome a caso, le faccio la stessa domanda. Lei sta lì a pensarci su, dieci, venti secondi, con gli occhi rivolti in alto. Dopo un bel po’ si ricorda come si chiama, me lo dice. La situazione è talmente grottesca che ormai resto per pura curiosità. Devo sapere dov’è che andremo a finire!
Detto questo la spoglio. Le sfilo il golfino annodato sotto le tette, le tiro via gli short a jeans assieme al perizoma. Rimane finalmente nuda. Le smanetto le tette, le titillo la fica. Lei mi massaggia le palle e, previo incappucciamento, comincia finalmente a succhiarlo. Dopo cinque secondi si rialza. Cinque secondi cronometrati. «Ho voglia di un po’ di cioccolata!» dice. «Cosa?» Si volta e prende una barretta di cioccolata dal comodino, la scarta, ne rompe qualche quadrato e ci mettiamo a mangiare. È la cosa più assurda che mi sia mai capitata! Ci fosse stato Kafka si sarebbe fatto una fortuna con lei!
Finito il pic-nic riprende la pompa. Lo succhia con gusto, questo lo si deve dire. Io sono ancora seduto, lei china su di me. La prendo per i capelli, lei va su e giù, l'accompagno con la mano.
Finito si sdraia, la prendo da sopra, la faccio voltare, da dietro. Le infilo un dito nel culo. Si risdraia di nuovo, allora, a pancia in su, faccio per sintonizzare Rai2. Lei si ferma, vuole cambiare letto. (Nella stanza c’erano tre letti: uno matrimoniale, al centro, e due letti singoli ai due lati della camera). Le dico che la cosa non ha senso, ma non ne vuole sapere. Cambiamo letto.
A meno che non se ne sia stata tutto il tempo con lo stringiculo, l’aveva davvero stretto il pertugio. Giuro! Mi unge, entro dentro. Prima piano, poi sempre più convinto, mi faccio strada. La cosa va avanti per un bel po’. Le aro il buco del culo che è un piacere. Quando vengo, come mio solito, m’intrufolo più che posso, do l’ultimo colpo di reni. C’entro fino alle palle. Lei cerca di disarcionarmi, ma le riesce mica. La cosa finisce.

Mi rivesto. Subito le arriva una telefonata. In men che non si dica ecco comincia a sbraitare peggio di un hooligan, non ho idea di quel che dica ma è incazzata come una iena. Sfancula il cellulare, lo lancia contro il muro, quello esplode peggio di uno shrapnel. Continua a sgolarsi. «Ecco ci siamo...» mi dico, «Sei finito nel covo di una psicopatica. Fra qualche ora sarai finito nel congelatore, come minimo, il povero Ted servito in salmì con un piatto di fave e un bel chianti...» Ma niente! Da che era posseduta dallo spirito di Vittorio Sgarbi subito si calma. Va a prendere il cellulare, rimonta batteria e coperchio. Si mette a scherzare. Mi accompagna alla porta che è ancora nuda, la spalanca. L’appartamento da sull’androne d’ingresso di un condominio. Pure Ray Charles avrebbe potuta vederla, lì, con la fica al vento, e da un capo all’altro della strada per giunta. Il portone che da sulla strada è praticamente a vetri. Fuori c’è uno che aspetta. Sto per dirgli: «Scappa finché sei in tempo!..» ma è troppo tardi. La porta è già chiusa, come in un film di Tobe Hooper...

ahahhahhahahh ohi ohi ohi ohi le risate con le lacrime! :rofl: grande ted!
 
Commenta
Registrato
6 Ottobre 2012
Messaggi
42
Reaction score
0
Chiedo scusa, Hawkeye. Eviterò in futuro. Se volete cancellate pure il post :)

Saluti
 
Commenta
Registrato
28 Gennaio 2014
Messaggi
48
Reaction score
0
Località
Palermo
ciao. Non conosco la tipa, essendo di un'altra città, ma dalle foto lo sguardo un poco allucinato mi avrebbe messo qualche dubbio e, per avitare, non sarei andato. E' evidente che non è affatto serena, per i comportamenti descritti nella prima recensione, e se un punter va in giro è solo per rilassarsi, mica per stare in ansia: mi spieghi come hai fatto a fare stare su l "collega" sottostante? A me, solo leggendo, mi si è nascosto tra i testicoli!
 
Commenta
Alto