Rebeca - Roma - Altro | La Community di PUNTERFORUM

Rebeca - Roma - Altro

Registrato
19 Febbraio 2014
Messaggi
477
Reaction score
94
Località
"Tranzilvania, Tranzilvania bitteee!"
CARATTERISTICHE GENERALI

NOME INSERZIONISTA: Rebeca
RIFERIMENTO INTERNET: http://roma.bakecaincontrii.com/donna-cerca-uomo/rebeca-x4b496497498
https://www.incontri18.it/donne/ad59580-newww-new-rebeca-prima-volta-a-roma
CITTA DELL'INCONTRO: Roma zona Tor Cervara/Collatina
NAZIONALITA': bulgara
ETA': 23 ma ne dimostra qualcuno in più
CONFORMITA' ALL'ANNUNCIO: foto vere al 100%
SERVIZI OFFERTI (vedi DIZIONARIO): vari
SERVIZI USUFRUITI: BBJ, Rai1
COMPENSO RICHIESTO: 70
COMPENSO CONCORDATO: 50
DURATA DELL'INCONTRO: 1h totale: 20' sex + 40' social time perché è simpatica e le piace chiacchierare
DESCRIZIONE FISICA: ragazza di altezza media, viso caratterizzato da un'apparenza un po' cavallina, fisico skinny ed atletico molto armonioso e bello se non fosse per il seno cadente
ATTITUDINE: brava all'atto pratico con alcune sue (rare) remore
REPERIBILITA': a seconda dei suoi impegni
PRESENZA DI BARRIERE ARCHITETTONICHE: sì, insormontabili
INDEX RICERCHE (numero telefonico nel formato 1234567xx): 33472443xx

LA MIA RECENSIONE:

Il sottoscritto, recluta EF (Intendenza) megabizzo, (ir)responsabile del SVGPFA
si presenta di fronte al generale Felipe Stokazos, capo dell'Amministrazione, Intendenza e Servizi Vari, lo saluta e riferisce:

che il sottoscritto, presa visione di un annuncio contenente immagini apparentemente non contraffatte e/o ritoccate di una ragazza dal fisico slanciato e benché il numero riportato in esso annuncio conducesse le sue ricerche successive verso inserzioni arricchite di fotografie dalla patinatura quantomeno sospetta, ha inteso incaricarsi di una missione di avanscop...erta nella cui buona riuscita egli ha voluto spendere buona parte delle sue energie e risorse residue;
che il sottoscritto, interpellando telefonicamente la titolare dell'annuncio su cui era caduto il suo personale interessamento, ne ha constatato in primo luogo la perfetta padronanza della lingua italiana nonostante la evidente inflessione di matrice slava e in secondo luogo i modi gradevoli e cordiali con cui in detta lingua italica e con tono suadente ha interloquito col sottoscritto riferendo le sue eventuali disponibilità e indisponibilità;
che il sottoscritto, mosso dall'ascolto della voce della ragazza ad una maggiore curiosità, si è risolto a recarsi in zona Tor Cervara (versante terminale presso la Collatina e non la Tiburtina come erroneamente indicato nel testo dell'annuncio) per conoscere la ragazza altrimenti nota come Rebeca e valutare, una volta sul posto e ottemperate le conoscenze iniziali, se dare seguito ad un incontro a carattere mercenario con la stessa;
che il sottoscritto, giunto nel posto indicatogli da detta Rebeca come quello in cui essa svolge l'attività di mercimonio del suo corpo ed è solita ricevere la sua clientela, è rimasto perplesso se non sbigottito dallo spettacolo di degrado edilizio che gli si è parato dinanzi pur essendo egli abituato a frequentare postriboli nei quartieri più malfamati e ad accoppiarsi in tuguri che – rispettosamente parlando – disdegnerebbe un indio cochayama del Rio Negro o altro appartenente a tribù comunemente associate alla mancanza di pudicizia e/o urbanità;
che il sottoscritto, indeciso sul da farsi, è stato alcuni minuti a riflettere sulla possbilità che la costruzione che gli si poneva davanti potesse effettivamente racchiudere al suo interno il tipo di servizio che egli andava ricercando indi, schiaritosi le idee e raccolto a piene mani il coraggio che solitamente non gli ammanca, si è introdotto all'interno del presunto caseggiato riportandone le impressioni che qui di seguito rende note: trattasi di ex fabbrica dismessa o almeno di porzione di ex fabbrica la cui parte un tempo adibita ad uffici di amministrazione è stata riconvertita in unità abitative di modesta estensione e ancor più modesta tenuta;
che, salendo per le scale e percorrendo i ballatoi esterni, lo scrivente si è imbattuto in una comunità straniera, presumibilmente sudamericana e/o filippina che, da indagini successive, parrebbe essere solita trascorrere sul citato ballatoio le proprie giornate in compagnia di due cani di piccola taglia aggressivi e rumorosi che quello spazio di transito hanno eletto a proprio territorio di competenza esclusivo, motivo per cui hanno manifestato vivace aggressività alla comparsa di questo relatore;
che, conscio della necessità di portare a compimento l'alta missione affidatagli e rasserenato dalla modeste dimensioni degli animali, lo scrivente ha coraggiosamente scavalcato gli stessi non degnandosi di dar seguito alle loro lamentele sonore, ritrovandosi tuttavia a scansare nel proseguo del percorso gli oggetti lasciati dagli abitanti a macerarsi all'aria aperta e le defecazioni con cui i citati quadrupedi hanno inteso segnalare i confini delle loro pertinenze e rendere ardua la percorrenza di chi avesse contravvenuto alla loro volontà;
che, al termine della arrampicata di questa novella Torre di Babele in parte diruta e in parte devoluta al multiculturalismo, il sottoscritto si è ritrovato di fronte ad un cancello grigliato che gli è stato aperto da detta Rebeca al momento opportuno e che la stessa, con l'occasione, si è presentata al sottoscritto in maniera e modi amichevoli invitandolo ad entrare nel suo luogo di lavoro;
che all'interno di detto alloggio di servizio, modesto ma nulla affatto inessenziale,il sottoscritto è immediatamente entrato in contatto visivo con un altro cane di maggiori dimensioni ma di età stimata inferiore ai precedenti il quale, manifestando movimenti di coda appena accennati e sguardi trasognati, ha indotto lo scrivente a ritenere ch'egli fosse in dormiveglia. Detto cucciolo rivelavasi poi essere il reale proprietario dell'appartamento, signoreggiando su di esso e costringendo la citata Rebeca a tempestare il pavimento di tovaglioli di carta laddove a lui sarebbe parso consono rilasciare il contenuto della sua vescica;
che, servitosi del bagno per espellere l'urina in sovrappiù e curare la propria igiene intima, lo scrivente ha sorseggiato con detta Rebeca le bevande di ristoro che gli sono state offerte e dalla stessa è stato intrattenuto in lunga conversazione circa le rispettive occupazioni, situazioni familiari e/o affettive, desideri sessuali e aneddotica di varia natura cui il lavoro svolto da detta Rebeca non fa mancare materiale per intesserne divertenti racconti che la riservatezza cui deve attenersi il presente rapporto con consente di enumerare nella loro interezza o singolarmente;
che nel corso del colloquio introduttivo il sottoscritto ha potuto constatare la certa corrispondenza fra detta Rebeca e la ragazza ritratta nelle foto allegate agli annunci in cui è riportato il numero telefonico di detta Rebeca, appurandone in via definitiva la veridicità per quanto attiene in particolare al fisico, alla robustezza delle membra, al colorito bruno della carnagione e alle fattezze che gli è stato possibile intravedere in immagine soltanto dal mento in giù nel corso dell'attività preparatoria di cui il presente resoconto è la risultanza;
che detta Rebeca dichiara e probabilmente ha un'età di 23 anni ma che le circostanze non sempre liete della vita hanno fatto sì che agli occhi dello scrivente ne manifestasse forse qualcuno in più oltre a mostrare, quale caratteristica tipica delle femmine balcaniche, le evidenze di una opinabile noncuranza per l'igiene orale nei periodi cruciali della formazione dell'apparato dentario che per questa ragione risulta leggermente cavallino e contraddistinto da un'ampia finestra di sfogo fra gli incisivi anteriori;
che, esaurite bevande, sigarette ed argomenti di conversazione, il sottoscritto è stato invitato a denudarsi nella stanza preposta agli atti sessuali ed ivi preparato all'amplesso da detta Rebeca tramite effusioni di vario genere e carezze in parti più o meno sensibili del proprio corpo indi, raggiunto un mutuo consenso circa la tipologia di prestazione da effettuare e relativa indennità economica, ritenendosi entrambe le parti soddisfatte di quanto pattuito è stato dato inizio al rapporto con una sollecitazione orale che si sarebbe protratta per un tempo congruo al raggiungimento della piena eccitazione sessuale;
che il sottoscritto ha, nell'ambito della pattuizione economica, ricevuto conferma all'impressione che ad ogni richiesta aggiuntiva che vada al di là dello standard generalmente accettato (bj+rai1) detta Rebeca faccia scattare un gettone variabile fra i 10 e i 20 euro a seconda dell'impegno supplementare che detta richiesta aggiuntiva comporta e/o della bizzarria della stessa. Parimenti, lo scrivente annota che la richiesta economica è soggetta a margini di contrattazione a seconda della loquacità e/o tranquillità e/o piacevolezza (non in senso estetico) del devolvente soprattutto nell'ambito del primo incontro per via della speranza di detta Rebeca di fidelizzare detto devolvente ai propri servizi;
che detta Rebeca, premunendosi di ricordare allo scrivente che essendo al suo esclusivo servizio per quel lasso di tempo si sarebbe adoperata secondo la volontà e nei modi richiesti dallo stesso, ha intessuto col pene del sottoscritto un fitto dialogo ricco di profonde argomentazioni con un eloquio lentamente cadenzato come si addice a qualsiasi disamina di temi complessi e/o di ardua comprensione;
che nel corso della sua attività declamatoria detta Rebeca ha copiosamente espulso saliva in forma filamentosa ed il suo naso è entrato ripetutamente in collisione col ventre dello scrivente che, forse per via delle ridotte dimensioni di detta Rebeca o per un improvviso accrescimento della sua virilità, ha manifestato più volte l'impressione di essere discretamente dotato la qual cosa difficilmente gli sovviene di solito in mente (N.B.: tale annotazione potrà essere tralasciata nella stesura definitiva del rapporto ufficiale);
che la succitata Rebeca, più volte sollecitata ad impegnarsi in colloquio coi testicoli del sottoscritto, ha fatto intendere al presente estensore col proprio silenzio e con gestualità sottintesa che simile pratica non rientra fra i servizi con cui ha piacere d'intrattenere i propri ospiti, tornando ad interloquire unicamente col componente principale del trittico genitale risarcendo il proprietario dell'intera attrezzatura di quel suo diniego con una intensa attività aspiratoria;
che, ricoperto con opportuna protezione il pene del sottoscritto per il bene dei partecipanti all'atto sessuale e per il decoro richiesto dalla professione, detta Rebeca è salita a cavallo dello scrivente manifestando una buona padronanza dei movimenti pelvici finalizzati al piacere miscelati con smaliziata professionalità ad atteggiamenti di intimità fittizia quali baci sul collo, sfregamenti dei rispettivi visi, abbracci stringenti, capaci tutti di rendere realisticamente coinvolgente l'esperienza copulatoria benché svoltasi in un silenzio pressappoco ininterrotto;
che dall'angolazione consentita dalla citata posizione il sottoscritto ha potuto analizzare visivamente la perfezione dell'addome di detta Rebeca, muscoloso, teso e terminante in due evidenti incavi inguinali convergenti la quale circostanza lo scrivente associa ad uno dei suoi personali canoni formali riguardanti la bellezza del fisico femminile;
che da questa stessa prospettiva lo scrivente ha potuto constatare il principale difetto estetico di detta Rebeca consistente in un seno di risicate dimensioni tendenzialmente floscio e svuotato per cause inerenti ai postumi di una precedente gravidanza (opportuno sarebbe chiamare detti postumi "allattamento". N.B.: da correggere);
che il sottoscritto ha contestualmente potuto saggiare al tatto la consistenza dei glutei della citata Rebeca trovandoli conformi ai suoi gusti e confacenti ad una fisicità snella ed armoniosamente atletica di modo che, smuovendo tale contatto manuale in lui ulteriori stimoli e desideri, lo scrivente ha ritenuto opportuno modificare la configurazione dell'atto e possedere detta Rebeca nella posizione copulatoria volgarmente denominata "a pecorina" (N.B.: trovare un sinonimo più adeguato al tenore di una comunicazione ufficiale);
che lo scrivente ha così potuto perfezionare e confermare la sua iniziale impressione circa la bontà estetica di dette membra posteriori della detta Rebeca la quale ultima, divaricando le gambe e distendendosi perfettamente prona sul materasso, ha lasciato che lo scrivente la possedesse da tergo a suo piacimento compiacendosi egli di tenerla per il costato e di premerla quanto possibile contro la superficie morbida del letto;
che in tale posizione lo scrivente ha raggiunto un soddisfacente orgasmo dai cui residuati, secrezioni ed ammennicoli vari detta Rebeca ha avuto la sollecitudine di ripulirlo di sua mano prima di invitarlo a raggiungere nuovamente il bagno per una ulteriore e più approfondita pulizia;
che al termine dei lavaggi al sottoscritto sono stati nuovamente somministrate libagioni, prodotti derivati dalla lavorazione del tabacco e discorsi circa l'attitudine con cui detta Rebeca ha inteso ed intende esercitare la sua professione mostrandosi ella soprattutto curiosa a proposito di quale atteggiamento manifestino generalmente o per la maggior parte le altre ragazze dedite anch'esse al meretricio nell'occasione in cui lo scrivente avesse avuto precedentemente esperienze in merito ad esse;
che, dicendosi per riservatezza ed opportunità il sottoscritto novello di questo mondo parallelo imperniato sulla monetazione delle prestazioni sessuali, detta Rebeca lo ha allietato rinnovando ed ampliando il suo catalogo di aneddoti divertenti e/o significativi circa la sua clientela abituale e/o estemporanea evidenziando a più riprese quanto fantasmagoricamente variegata sarebbe una galleria che racchiudesse al suo interno aspetto e aspirazioni di chi è solito accompagnarsi e accoppiarsi con prostitute;
da questa elencazione effettuata con finalità giocose il sottoscritto ha potuto estrapolare e si permette di riferire che detta Rebeca non si sottrarrebbe a pratiche di dominazione e/o umiliazione che abbiano lei come referente attivo e che è adusa a svolgere mansioni attinenti il feticismo con particolare predilezione per il feticismo dei piedi, la qual cosa ha offerto la spiegazione allo scrivente del perché detta Rebeca abbia non solo delle estremità inferiori di bella fattura ma anche perfettamente curate e perennemente smaltate di nero così da assecondare la specifica richiesta di certa sua affezionata cerchia che tale circostanza ritiene requisito indispensabile al tipo d'intrattenimento da essa richiesto.

Dios guarde a Usted.
 
Registrato
20 Marzo 2014
Messaggi
384
Reaction score
232
Località
Culandia
Detto cucciolo rivelavasi poi essere il reale proprietario dell'appartamento, signoreggiando su di esso e costringendo la citata Rebeca a tempestare il pavimento di tovaglioli di carta laddove a lui sarebbe parso consono rilasciare il contenuto della sua vescica.

:lol:

... il generale Felipe Stokazos, letto con attenzione quanto dichiarato dallo scrivente, ritiene che lo stesso sia indiscutibilmente meritevole dell'appellativo di PIRLA ad honorem per qualità investigativa e coraggio dimostrato nello svolgere la missione affidatagli.

:lol:

.. il generale Stokazos vorrebbe anche sapere in che modo ha ritenuto opportuno dare il commiato al cucciolo padrone di casa oltre che a quali altre peripezie si è dovuto confrontare durante il tragitto verso il ritorno in questura.
 
Commenta
Registrato
28 Settembre 2010
Messaggi
75
Reaction score
1
Età
51
..Quando andavo alle superiori esistevano i famosi "bignami" che permettevano di evitare di leggere mattoni come i promessi sposi perchè eseguivano una sintesi pressochè perfetta.
Siccome qui ci sono dei volenterosi (giovinezza e pantaleone) che postano spesso le foto prese daglia annunci subito dopo una recensione, non è che si trova qualche volontario che sintetizzi i poemi di mega e adfatt :D

PS:
Lo so sono andato per la seconda volta contro il regolamento e la netiquette di pf che io stesso ho chiesto di rispettare, ma giuro dover leggere 100 righe a fronte di servizi : bbj+rai1 è davvero dura con questo caldo.
 
Commenta
Registrato
19 Febbraio 2014
Messaggi
477
Reaction score
94
Località
"Tranzilvania, Tranzilvania bitteee!"
  • Creatore Discussione
  • #4
:lol:

... il generale Felipe Stokazos, letto con attenzione quanto dichiarato dallo scrivente, ritiene che lo stesso sia indiscutibilmente meritevole dell'appellativo di PIRLA ad honorem per qualità investigativa e coraggio dimostrato nello svolgere la missione affidatagli.

:lol:

.. il generale Stokazos vorrebbe anche sapere in che modo ha ritenuto opportuno dare il commiato al cucciolo padrone di casa oltre che a quali altre peripezie si è dovuto confrontare durante il tragitto verso il ritorno in questura.

il sottoscritto concorda e deferente ringrazia il generale Stokazos, permettendosi tuttavia di sottolineare come tale onorificenza debba essere d'ufficio estesa a quanti, mossi da pulsione feticista, leccano avidamente le piante dei piedi di detta Rebeca; :prankster2:

il sottoscritto ha rivolto come suo solito il saluto militare a detto cucciolo il quale ultimo, comunicando con lo scrivente tramite codice morse di "linguetta corta - linguetta lunga - - linguetta dentro . ecc. ecc.", pare che lo abbia mandato indifferente a cagher; :preved:

il sottoscritto si è indi recato non in questura ma nella sua nuova destinazione, una sperduta caserma dell'esercito sul lago Titicaca ove ha presentato la propria lettera d'incarico e si è posto agli ordini del comandante Pantoja...
a parte tutto, un piccolo (e indegno) omaggio a uno dei più bei romanzi che trattano il nostro hobby preferito, tanto comico quanto struggente: Pantaleón e le visitatrici di Mario Vargas Llosa... perché ognuno di noi ha una sua "Brasiliana" nel cuore...
 
Commenta
Registrato
20 Marzo 2014
Messaggi
384
Reaction score
232
Località
Culandia
Rebeca in arte: piedi curati e puliti di altrui wescica contenuto ovvero in sigla: pcpWC

635d93c6760496d7d438430d7bb4d306.upload

513e860f06649791ccedfbf3c3d2b63c.upload

b51b7cbdc468665bd2a72dfdf1b9ea21.upload


:bye:
 
Commenta
Registrato
19 Febbraio 2014
Messaggi
477
Reaction score
94
Località
"Tranzilvania, Tranzilvania bitteee!"
  • Creatore Discussione
  • #7
..Quando andavo alle superiori esistevano i famosi "bignami" che permettevano di evitare di leggere mattoni come i promessi sposi perchè eseguivano una sintesi pressochè perfetta.
Siccome qui ci sono dei volenterosi (giovinezza e pantaleone) che postano spesso le foto prese daglia annunci subito dopo una recensione, non è che si trova qualche volontario che sintetizzi i poemi di mega e adfatt :D

PS:
Lo so sono andato per la seconda volta contro il regolamento e la netiquette di pf che io stesso ho chiesto di rispettare, ma giuro dover leggere 100 righe a fronte di servizi : bbj+rai1 è davvero dura con questo caldo.

Intrigo, dopo la battuta ora però ti rispondo nel merito partendo proprio dalla fine.
Non vedo perché debba esistere una correlazione fra sigle usufruite e lunghezza della recensione. Dovremmo tirar fuori una tabella secondo cui con bj+rai1 ci si deve limitare a 10 righe, con l'orale scoperto si può arrivare a 15, col secondo canale a 30 righe e dove siano consentite al massimo altre 5 righe per ogni sigla supplementare? Per carità, si può anche fare... ma che tristezza... perché magari un incontro non si compone soltanto dello svolgimento tecnico delle sigle e qualche elemento di contorno può talvolta risultare utile quanto se non di più delle sigle stesse... senza considerare il fatto che a nessuno è imposto dai Santi Evangeli di recensire e, già che recensisce, forse ha piacere di farlo secondo la propria attitudine (che non è detto debba essere per forza quella di chi legge).
Detto questo, i Promessi Sposi sono pesati a tutti perché si trattava di una lettura imposta. Qui nessuno ti obbliga a leggere una recensione e nessuno ti interroga sul suo contenuto: la leggi se ti va e se non ti va non la leggi. Mi sembra sterile ironizzare (o forse dovrei dire polemizzare perché, per quanto tu lo faccia in maniera garbata, hai ripetuto questo concetto più volte) sull'estensione di uno scritto solo perché vorresti arrivare subito al dunque... per quello c'è la scheda introduttiva di rapida consultazione che consente di farsi un'idea su due piedi ed eventualmente di passare oltre. Insomma, non si può chiedere agli altri di adeguarsi alla propria pigrizia, n'est-ce pas?
Ma in fondo penso che il tuo sia un lontano richiamo nostalgico :wink: e non certo al bignami... :sarcastic_hand:
 
Commenta
Registrato
29 Marzo 2015
Messaggi
101
Reaction score
3
Località
a ovest di paperino
la liberta' del Punter di recensire come meglio crede, e' inoppugnabile oltre che inprescindibile dallo spirito stesso dei forum di tale argomento.
ognuno e' libero di scrivere cio' che crede (nell'ambito dell'educazione) riguardo alle proprie esperienze di vita punteristica…
 
Commenta
Registrato
28 Settembre 2010
Messaggi
75
Reaction score
1
Età
51
mega bono stop te stoppo subito ..... se ti riferisci alla nostalgia di lontane guerre... stai fuori strada, come ho scritto in altra sede dove sei temporaneamente riapparso...trovo ridicolo e patetico portare avanti diatribe stantie, fra l'altro io per primo mi sono trovato ridicolo rileggendomi gli antichi post del passato, soprautto in virtu' di quanto è successo dopo il nostro scontro fiume.

Onestamente trovarmi davanti un poema a me non va di leggerlo,sopratutto perchè il 70% del racconto esula dall'argomento di questa comunità e non mi riferisco al fatto che i servizi erano rai1+bbj,poteva esserci anche scritto swallow e rai2.PUNTO. Poi figurati sei liberissimo di dar sfogo e abilità alla tua vena.:)

Per qualsiasi tua risposta c'è qui il diario e la mia casella privata del forum.
 
Commenta
Registrato
19 Febbraio 2014
Messaggi
477
Reaction score
94
Località
"Tranzilvania, Tranzilvania bitteee!"
il 70% del racconto esula dall'argomento di questa comunità e non mi riferisco al fatto che i servizi erano rai1+bbj,poteva esserci anche scritto swallow e rai2.PUNTO.

Su questo non concordo: l'ambiente in cui esercita una pay, il tipo di location, la riservatezza e soprattutto la pulizia della stessa e l'eventuale presenza di animali sono a mio parere elementi importanti di una recensione al pari delle sigle. Lo stesso dicasi, evidentemente, per quanto riguarda la simpatia della pay, la sua loquacità e tutto quello che generalmente viene chiamato social time: anche questo è un elemento importante di un incontro e di una recensione perché il più delle volte - a parità di bocchini e di infilate - è ciò che fa la differenza fra il ricevere sensazioni positive e l'andar via più leggero ma indifferente. Almeno, io la penso così e do largo spazio al pre- e al post-coito.
 
Commenta
Alto