Rio De Janeiro | Pagina 14 | PUNTERFORUM

Rio De Janeiro

Registrato
27 Aprile 2011
Messaggi
1.678
Reaction score
3.926
Località
Napoli
Amarcord
Più o meno funzionava così a inizio millennio a Rio de Janeiro. C’era il delivery della fica, consegnata a domicilio, fino al piano, il clitoride bussava alla porta. E nonostante avessi una lussuosa penthouse in Lagoa, bairro tutt’altro che dedito al puteiro, era come se a me e al mio amico ci avessero etichettati guardandoci in faccia, due fighetti poco più che ventenni, con qualche soldo in tasca. Sul tavolino del living si materializzavano sempre cataloghi come quello (chissà chi cazzo ce li metteva) nei cui raccoglitori trasparenti ad anelli spiccavano decine di brasiliane bellissime, nude e in pose equivocabili. Qualche catalogo riportava i nomi d’arte. Qualcun altro un breve codice alfanumerico. Le sceglievo sempre così, quelle senza nome, identificate da un numero da comunicare alla centralinista. Come se si stesse noleggiando un capo di bestiame. Che remore potevo mai farmi con una tale sete di adrenalina e il testosterone a mille. Quella terrazza con jacuzzi era costantemente popolata di troie che si alternavano giorno dopo giorno, due contro due, poi io e il mio amico cominciammo ad alzare la posta, due contro quattro, qualcuna più scaltra di fece dare i nostri numeri, per venire di sera, extra agenzia. Una sera contai sei zoccole in quell’appartamento. Nel pomeriggio andavano a 150 reais all’ora, con un cambio a 3,8 erano circa 40 euro se ricordo bene. Per le serate era forfettario, qualche centone a cranio e optionals di varia natura. I primi tre/quattro giorni uscivamo da quella casa solo per comprare cibo e condom. Ad un certo punto ci guardammo in faccia, con le occhiaie agli zigomi, e convenimmo che non potevamo tornare a casa senza qualche cazzo di foto del Redentore e del Pan de Acucar. Turisti per due giorni. Intanto scoprimmo l’Help e le thermas, infine le trans in outcall. Ci misi un po’ a vincere la paura del giudizio del mio fraterno amico. Andò a finire che lui ne incontrò più di me. Tornammo a casa dopo 21 giorni, giusto in tempo, avevamo appena il denaro per una rustichella a La Macchia tornando dall’aeroporto di Roma. L’anno dopo replicammo. Ma eravamo in quindici. Alla scoperta dell’America. Latina.​
 
Commenta
Registrato
27 Novembre 2020
Messaggi
7
Reaction score
12
Età
50
Che bei ricordi, io ci andai nel 2011, viaggio organizzato aziendale ; l'aeroporto veramente un cesso, vecchio .. adesso però sò tutto rifatto a seguito olimpiadi . Risiedevamo all'Othon Plaza la torre in cristallo fumè proprio vicinissimo all' help ( locale bello, ma tipico per prender per culo noi occidentali )... Uno spettacolo, vedere così tanta gente solare, così tanta gente che aveva piacere di interfacciassi con gente latina . dopo i primi gg di orientamento , bastava che passeggiavi da solo, nel bellissime vie , larghe delle parallele di Avenida Atlantica e vedevi ragazze bellissime di tutti i tipi che passeggiavano tranquille , che non disdegnavano l'esser guardata a lungo ne tantomeno fermarla per chiedere un info e lei curiosare per capire che stavi facendo li .. così fai, vidi uno splendore 170, mora appelli mossi , occhialoni griffati, delle curve mozzafiato ed una maglietta che non sò come reggeva un seno naturale ..dalla richiesta di info per il centro, si arrivò a che lei mi volesse fare da guida , ed io subito gli indicai di andare a perdere qualcosa di dissetante .. il caldo è una brutta bestia , l'aria è pastosa .. dopo gli opportuni momenti di relazione in italo _spagnolo_brasilleiro_inglese solo noi Italiani riusciamo a farci capire da una extraterrestre se questa ha una figa ... subito in Hotel e di li a poco , una festa , uno splendore , ma in primis una ragazza con una voglia di vivere divertirsi spensieratamente . Una bellissima città perchè c'è gente bellissima ; spero presto di ritornarci, Covid permettendo . Scusatemoìi am sono innamorato di tale città
 
Commenta
Registrato
27 Novembre 2020
Messaggi
7
Reaction score
12
Età
50
Infatti l’articolo è di una decina d’anni fa, l’Help un’istituzione per chi si recava a Rio. Bei tempi🤪
io ebbi la fortuna di andare 11 gg a Rio, visitai anche quel locale, posso dirvi che era uno spremiagrumi per stranieri . La vere bellezze , erano in giro per le strade, nei negozi , nelle spiagge anche loro a caccia ; Il fatto che una figona entrasse in quel locale, doveva pagare ..pedaggio ed alla fine lo paga il cliente , opportunamente maggiorato . Li le ragazze comprendono al volo .poi quando vedono ragazzi Italiano..Latini in giro a chiedere info , basta ben poco per portartele a letto . Ed una cosa è certa.. le strafighe non se la tirano
 
Commenta
Alto