ATTENTI | PUNTERFORUM

ATTENTI

Registrato
27 Aprile 2008
Messaggi
33
Reaction score
0
ciao a tutti sono nuovo del forum e voglio inaugurare il mio primo intervento su questo forum con questo argomento
attenti alle pratiche sessuali non protette, premetto che anche a me piace frequentare le donzelle che si pubblicizzano su internet ma con le dovute precauzioni.
E siccome ho letto di pratiche non protette tipo bbj, bè un po di sana informazione non fà male e avendo trovato questei articoli ho ritenuto opportuno pubblicarle, non me ne vogliate.

Le principali malattie veneree
Sifilide

La sifilide è causata da un batterio, la spirocheta pallida (Treponema pallidum). Nel decorso della malattia si distinguono quattro stadi. Nello stadio primario la sifilide si manifesta, dopo un periodo di incubazione di tre settimane circa, con la formazione di un nodulo indolore (ulcera dura o sifiloma) nel punto di inoculazione (solitamente sul pene o nella vagina). Le ghiandole linfatiche più vicine si ingrossano. Solitamente il sifiloma scompare anche se non è curato. Ma se non si cura dopo circa sei settimane la malattia entra nello stadio secondario: i batteri invadono tutto l’organismo provocando eruzioni cutanee, febbre e tumefazione dei linfonodi. Queste manifestazioni cutanee scompaiono dopo 1–2 settimane ma recidivano nel corso degli anni. Senza cure appropriate dopo vari anni si manifesteranno lesioni a carico degli organi interni, specialmente del sistema nervoso: nello stadio terziario sarà colpito il midollo spinale (disturbi motori) e nell’ultimo stadio il cervello (demenza).

La diagnosi si basa sull’ esame microscopico e sul test sierologico per la sifilide, test che dà risultati affidabili a 3 settimane dal contagio. Una cura di antibiotici (p.es. penicillina) nello stadio precoce porta alla completa guarigione. In seguito si potranno eliminare i batteri con gli antibiotici, ma i danni organici prodottisi negli stadi III e IV saranno irreversibili. Durante la gravidanza la sifilide può causare danni gravissimi al feto.
Gonorrea (blenorragia)

Anche la gonorrea è provocata da un batterio (Neisseria gonorrhoeae). A due – sette giorni dal contagio la malattia si manifesta con minzione dolorosa e con un secreto giallo verdastro mucopurulento dal pene e dalla vagina. Talvolta non si osservano questi sintomi nella donna. Se la malattia non viene curata possono insorgere nell’uomo complicanze come infezioni della prostata e del condotto spermatico, nonché epididimiti. Nella donna l’utero, le tube e le ovaie possono subire lesioni tali da causare sterilità. In uno stadio tardivo della malattia i batteri si diffondono in tutto l’organismo, colpendo specialmente le articolazioni e la regione epatica (periepatite acuta). La diagnosi della gonorrea si effettua mediante esame microscopico o colturale della secrezione. La gonorrea è guaribile con gli antibiotici.

Un grosso problema è la diffusione del turismo a scopo sessuale in Estremo Oriente. Poiché le prostitute fanno spesso ricorso agli antibiotici per la profilassi delle malattie veneree si sviluppano sempre più ceppi batterici resistenti.
Ulcera molle

È causata da un bacillo (Haemophilus ducreyi). Abbastanza rara nell’Europa centrale l’ulcera molle è invece piuttosto diffusa nei Paesi tropicali in via di sviluppo. A due – sei giorni dall’infezione compaiono nel punto di contagio ulcerazioni molli, dolorose e irregolari. I nodi linfatici nella regione inguinale possono ingrossarsi considerevolmente. La diagnosi si effettua mediante l’esame microscopico con cui si accerta la presenza dell’agente patogeno. La malattia è guaribile con gli antibiotici.
Linfogranuloma inguinale

Il linfogranuloma inguinale o venereo è causato da particolari ceppi di Chlamydia trachomatis ed è piuttosto raro nell’Europa centrale. Nella regione genitale compaiono dei noduli soggetti a ulcerazione, ma non prima di 14 giorni dal contagio. Questi noduli poco dolorosi regrediscono spontaneamente dopo 10–14 giorni per cui vengono spesso trascurati. Il paziente si sottopone a visita medica soltanto in seguito al notevole ingrossamento dei linfonodi nella regione inguinale. Particolari complicanze possono insorgere se i linfonodi si aprono verso l’esterno (fistole) o se sono colpiti i linfonodi interni. La diagnosi si effettua accertando la presenza degli agenti patogeni direttamente nel focolaio d’infezione oppure con l’analisi del sangue. Nella fase iniziale la malattia può essere guarita con gli antibiotici.
Infezioni da clamidia

Le infezioni da clamidia sono assai diffuse in Europa e vengono causate dal batterio Chlamydia trachomatis. Esse sono causa di fastidiose infezioni genitourinarie che comportano forte prurito e bruciori durante la minzione. Nell'uomo possono essere colpite la prostata e l'epididimo, nella donna la vagina, l'utero, le tube e le ovaie, con conseguente possibile sterilità o gravidanza tubarica. L'infezione decorre spesso senza disturbi e può essere facilmente curata con gli antibiotici. Il contagio neonatale è frequente e può causare congiuntiviti e polmoniti.
Aids

L’Aids (acquired immune deficiency syndrome = sindrome da immunodeficienza acquisita) è lo stadio finale di un’infezione causata dall’HIV (human immunodeficiency virus = virus dell’immunodeficienza umana). A tutt’oggi sono noti due tipi di virus (HIV-1 e HIV-2) con numerosi sottogruppi. Tra il momento del contagio e l’insorgere della malattia vera e propria (Aids conclamato) trascorrono in media 12 anni. In questo periodo le persone contagiate possono trasmettere il virus ad altri senza rendersene conto. In presenza di altre malattie sessuali «classiche» (specialmente la sifilide e l’ulcera molle) si è maggiormente esposti al rischio di contagio con il virus dell’Aids. La diagnosi dell’infezione HIV avviene mediante l’analisi del sangue (test degli anticorpi HIV). A tutt’oggi la malattia è inguaribile e può portare alla morte. Un accertamento precoce dell’infezione e l’adozione di appropriate misure terapeutiche permettono di ritardare l’insorgere della malattia e di migliorare la qualità della vita del paziente. In un prossimo futuro non sarà disponibile alcun vaccino.
Epatite virale

Esistono diversi virus dell’epatite. Si trasmettono sessualmente soprattutto il virus dell’epatite B (HBV) e, in misura minore, il virus dell’epatite C (HCV). Il decorso della malattia varia notevolmente: l’infezione può risolversi senza disturbi o causare un’infiammazione acuta del fegato con possibile esito letale. Spesso l’infiammazione può cronicizzarsi ed evolvere nella cirrosi epatica o nel cancro del fegato.

Un problema è costituito dal fatto che alcune persone sono portatrici del virus dell’epatite B e C per tutta la vita: non si ammaleranno necessariamente, ma potranno contagiare altre persone. Il virus del l’epatite B e C può trasmettersi, oltre che per via sessuale, anche tramite trasfusioni di sangue, scambio di siringhe tra tossicodipendenti e talvolta perfino tramite il contatto diretto o indiretto con liquidi organici in caso di scarsa igiene.

Nei paesi del Terzo Mondo l’epatite B è assai diffusa, mentre in Europa ne sono colpiti soprattutto i tossicodipendenti che assumono droga per via endovenosa e il personale sanitario. L’epatite B è l’unica MST contro cui ci si può vaccinare.
Herpes genitalis

L’Herpes genitalis è un’infezione virale largamente diffusa ed è simile all’herpes labialis (vescicole sulle labbra). A tre – sette giorni dall’infezione compaiono nella zona genitale piccole vescicole molto pruriginose e dolorose contenenti un liquido contagioso. Inoltre possono manifestarsi altre patologie come l’ingrossamento dei nodi linfatici e stati febbrili. La diagnosi si effettua esaminando direttamente il liquido delle vescicole oppure tramite l’esame del sangue. L’herpes si cura con farmaci antivirali (per es. l’aciclovir), ma il virus può sopravvivere e annidarsi nel tessuto nervoso restando a lungo inattivo. Dopo anni può riattivarsi e causare una recidiva: in questi casi il quadro clinico è però generalmente meno virulento. Le gestanti affette da herpes genitale possono contagiare il neonato al momento del parto e causargli gravi malattie (per es. l’encefalite).
Condilomi acuminati

Sono formazioni cutanee verrucose che insorgono nella regione genitale e perianale. Sono causate dal virus HPV (= virus del papilloma umano). Si manifestano circa 4 settimane dopo il contagio e si eliminano con la criochirurgia, l’elettrocauterizzazione, la chirurgia laser o il bisturi. I papillomavirus possono essere trasmessi al neonato al momento del parto. Alcuni di questi virus potrebbero essere all’origine del cancro della cervice (collo dell’utero).
Tricomoniasi

Si tratta di un’infezione della vagina o dell’uretra largamente diffusa e causata dai protozoi Trichomonas. L’infezione si manifesta con perdite sierose e prurito. La diagnosi è stabilita con l’esame microscopico con cui si può accertare la presenza dell’agente patogeno. È una malattia infettiva diffusa in tutto il mondo ma non pericolosa. È curata con farmaci specifici (p.es. metronidazolo).
Infezioni fungine

Il miceto della specie Candida albicans è assai diffuso ed è il principale agente patogeno delle infezioni fungine trasmesse sessualmente. Questa infezione, di per sé innocua (infiammazione della vagina o del glande), può comportare sintomi fastidiosi come intenso prurito o vivo bruciore. Nella donna determina inoltre l’emissione di secrezioni dalla vagina. Queste infezioni si curano con speciali farmaci (antimicotici) e un’adeguata igiene.
Piattole (pediculosi)

Le piattole sono piccoli insetti che si insediano tra i peli del pube. A occhio nudo sono visibili sia gli insetti che le uova (lendini) fissate ai peli. L’infestazione causa soprattutto un forte prurito. La pediculosi è una malattia innocua e si cura con una speciale emulsione.
Scabbia

La scabbia è un'affezione cutanea causata da un acaro, il Sarcopetes scabiei. Si trasmette durante i rapporti sessuali o tramite l'uso in comune di oggetti. I parassiti scavano dei cunicoli nella cute. Le regioni più colpite sono gli spazi interdigitali, i polsi, le ascelle, i genitali, la regione sottomammaria e l'ombelico. Le papule e vescicole provocano un intenso prurito (soprattutto di notte) e eczemi persistenti. Spesso i cunicoli degli acari si scorgono a occhio nudo. Tutte le persone che vivono sotto lo stesso tetto devono sottoporsi alla cura contemporaneamente.
 

Gomez

Guru
Registrato
24 Aprile 2008
Messaggi
2.854
Reaction score
107
Località
Bo
megusta ha scritto:
Condilomi acuminati

Sono formazioni cutanee verrucose che insorgono nella regione genitale e perianale. Sono causate dal virus HPV (= virus del papilloma umano). Si manifestano circa 4 settimane dopo il contagio e si eliminano con la criochirurgia, l’elettrocauterizzazione, la chirurgia laser o il bisturi. I papillomavirus possono essere trasmessi al neonato al momento del parto. Alcuni di questi virus potrebbero essere all’origine del cancro della cervice (collo dell’utero)...

...e anche del cancro del pene (HPV16 è il più pericoloso)

Aggiungerei tra i pericoli anche due componenti della famiglia
degli herpes-virus, cioè il citomegalovirus (CMV) e l'epstein-barr virus (EBV).
L'EBV è addirittura chiamato "il virus del bacio" data la sua facilità
di trasmissione, che, oggi come oggi, e possibile facilmente anche
ad di fuori dell'ambito del sesso a pagamento (quindi questi due virus non sono
propriamente da considerarsi un pericolo che si corre andando a puttane,
però, trasmettendosi questi assai più facilmente col contatto salivare,
anche se si pensa che il contagio possa avvenire, per avvenuta mutazione,
anche per via aerea, della loro pericolosità c'è da prendere quantomeno
consapevolezza).
Sono particolarmente bastardi ed una volta entrati si trovano talmente
a loro agio nelle nostre cellule che che ci abbandonano assai difficilmente,
per non dire mai.
Creano deficit immunitario più o meno marcato a seconda dell'ospite.
Si è visto inoltre che entrambi, nel tempo, possono fare da innesco ad altre
brutte storie...

 
Commenta
G

Guest

Ospite
Ospite
Gomez ha scritto:
megusta ha scritto:
Condilomi acuminati

Sono formazioni cutanee verrucose che insorgono nella regione genitale e perianale. Sono causate dal virus HPV (= virus del papilloma umano). Si manifestano circa 4 settimane dopo il contagio e si eliminano con la criochirurgia, l’elettrocauterizzazione, la chirurgia laser o il bisturi. I papillomavirus possono essere trasmessi al neonato al momento del parto. Alcuni di questi virus potrebbero essere all’origine del cancro della cervice (collo dell’utero)...

...e anche del cancro del pene (HPV16 è il più pericoloso)

Aggiungerei tra i pericoli anche due componenti della famiglia
degli herpes-virus, cioè il citomegalovirus (CMV) e l'epstein-barr virus (EBV).
L'EBV è addirittura chiamato "il virus del bacio" data la sua facilità
di trasmissione, che, oggi come oggi, e possibile facilmente anche
ad di fuori dell'ambito del sesso a pagamento (quindi questi due virus non sono
propriamente da considerarsi un pericolo che si corre andando a puttane,
però, trasmettendosi questi assai più facilmente col contatto salivare,
anche se si pensa che il contagio possa avvenire, per avvenuta mutazione,
anche per via aerea, della loro pericolosità c'è da prendere quantomeno
consapevolezza).
Sono particolarmente bastardi ed una volta entrati si trovano talmente
a loro agio nelle nostre cellule che che ci abbandonano assai difficilmente,
per non dire mai.
Creano deficit immunitario più o meno marcato a seconda dell'ospite.
Si è visto inoltre che entrambi, nel tempo, possono fare da innesco ad altre
brutte storie...

Da adess in poi: sulamant pugnat!!! Ma col man appanna lave col detersiv e l'amuchenna.
:search:
 
Commenta
Registrato
1 Maggio 2008
Messaggi
90
Reaction score
7
Grazie ragazzi, sono sempre info utili. Io presi la clamidya da una mia ex. Vi racconto la dinamica del esame per diagnosticare la clamidya.

Passo uno vai dall urologo, gli dici che quando fai pipi ti brucia ecc... Lui s infila il suo bel guanto di lattice e ti tocca la prostata, se la sente un po infiammata ti diagnostica una prostatite e ti fa fare un esame chiamato stamei per identificare la causa, il battere che provoca la prostatite.

Ore 8 00 local time all ospedale S Maria delle Croci (RA), mi presento per fare questo esame. Mi chiamano dentro il dottore mi fa stendere senza braghette a gambe aperte, si infila il suo bel guanto in lattice e noto con orrore che ha le mani come dei badili :shok: . Mi fa un massaggio prostatico che dura 10 min di orologio :crazy: nel frattempo l infermiera mi tiene in mano il mio bischero e gli infila dentro tre tamponi :crazy: Un male cane in piu con il dottorone che mi ravanava ne culo!!!!! Finito l esame mi sono sentito violentato!!! Ed ho specificato all infermiera che di solito il mio bischero è piu grosso :biggrin:
 
Commenta
Registrato
27 Aprile 2008
Messaggi
33
Reaction score
0
  • Creatore Discussione
  • #5
ma per la clamidya che sappia io è sufficiente l'esame dell'orina.
 
Commenta

Gomez

Guru
Registrato
24 Aprile 2008
Messaggi
2.854
Reaction score
107
Località
Bo
megusta ha scritto:
ma per la clamidya che sappia io è sufficiente l'esame dell'orina.

Il tampone uretrale è più attendibile anche se i falsi
negativi sono frequenti: la chlamydia è un batterio intracellulare
quindi è rilevabile nel secreto prostatico solo negli episodi
acuti.
 
Commenta
Registrato
1 Maggio 2008
Messaggi
90
Reaction score
7
megusta ha scritto:
ma per la clamidya che sappia io è sufficiente l'esame dell'orina.


Con la clamidya avevo delle urine che si potrevano bere :biggrin:

A parte gli scherzi, prima feci l esame dell urina e risulto tutto negativo.
 
Commenta
Registrato
26 Aprile 2008
Messaggi
400
Reaction score
7
Località
Overlook H.
:shok: :shok: :shok:

... am fasì pasè la voja ad ciavè burdél!! :hang3:

a parte gli scherzi, complimenti... è tutto molto utile!
:clapping:
 
Commenta

geppettogianni

Espulso
Account sospeso
Registrato
7 Maggio 2008
Messaggi
2.672
Reaction score
8
Località
Bulaggna provincia..vicino a Farlatta,Fevdar...ma
Gomez ha scritto:
megusta ha scritto:
ma per la clamidya che sappia io è sufficiente l'esame dell'orina.

Il tampone uretrale è più attendibile anche se i falsi
negativi sono frequenti: la chlamydia è un batterio intracellulare
quindi è rilevabile nel secreto prostatico solo negli episodi
acuti.


..ecco...

il "tamponcino".... :umnik2:

è proprio 'na cosetta poco ..
:suicide2: simpatica...

..todo el contrario ad es.
del.....
pipi-strillone.... :tease: :sarcastic_hand:
 
Commenta

Gomez

Guru
Registrato
24 Aprile 2008
Messaggi
2.854
Reaction score
107
Località
Bo
geppettogianni ha scritto:
Gomez ha scritto:
megusta ha scritto:
ma per la clamidya che sappia io è sufficiente l'esame dell'orina.

Il tampone uretrale è più attendibile anche se i falsi
negativi sono frequenti: la chlamydia è un batterio intracellulare
quindi è rilevabile nel secreto prostatico solo negli episodi
acuti.


..ecco...

il "tamponcino".... :umnik2:

è proprio 'na cosetta poco ..
:suicide2: simpatica...

..todo el contrario ad es.
del.....
pipi-strillone.... :tease: :sarcastic_hand:

Ciao caro.
Ecco, diglielo mo un po tè.

:wink:

 
Commenta

geppettogianni

Espulso
Account sospeso
Registrato
7 Maggio 2008
Messaggi
2.672
Reaction score
8
Località
Bulaggna provincia..vicino a Farlatta,Fevdar...ma
....rilevabile nel secreto prostatico...



---------------------------------------------------------



..per rilevare questa tipologia di secreto...
..occorre una "spermiocoltura".... :umnik2:

..cioe' bisogna fare un prelievo di sperma
(..meglio se "fresco" ....
da consegnare ad es .al mattino generalmente alle 8 come da orari consegna "campioni.. :sad: )


... e non "contaminato" da altri secreti... :sad:

..per cui pugnettina .. : :sorry: :sarcastic_hand:

... volendo anche nel bagno del laboratorio analisi...

(..a volte anche disponibili "riviste stimolanti"..) :sorry: :sarcastic_hand:


:whistle3:
 
Commenta
Registrato
13 Maggio 2008
Messaggi
41
Reaction score
1
Io consiglierei agli amici punter che tanto ambiscono al bj scoperto e al daty, di stare molto attenti perchè sono delle pratiche sessuali molto a rischio di trasmissione infettiva . Per cui fatelo con le vostre compagne , mogli, fidanzate ... ma con le girls di professione che prendono centinaia di cazzi al mese è meglio stare coperti " per non prendere freddo " ! Saluti a todos :victory:
 
Commenta
Registrato
26 Aprile 2008
Messaggi
175
Reaction score
1
Età
40
Località
Bassa Reggiana
ibrarbi ha scritto:
Io consiglierei agli amici punter che tanto ambiscono al bj scoperto e al daty, di stare molto attenti perchè sono delle pratiche sessuali molto a rischio di trasmissione infettiva . Per cui fatelo con le vostre compagne , mogli, fidanzate ... ma con le girls di professione che prendono centinaia di cazzi al mese è meglio stare coperti " per non prendere freddo " ! Saluti a todos :victory:

beh nel caso mogli non so... dai confidiamo nella fedelta' al sacro vincolo :bad: ma se e' per quello anche con fidanzate, compagne, scopamiche il rischio e' lo stesso... c'e' poco da fare...

il mondo e' un brutto posto... :cray:
un paio di miei amici han preso alcune malattie poco simpatiche dalle loro compagne/fidanzate....

Sta di fatto che io in primis non mi faccio mai fare un BBBJ ma a volte non resisto proprio al DATY... che ce posso fa'....
 
Commenta
Registrato
30 Aprile 2008
Messaggi
35
Reaction score
0
concordo in tutto le vostre preziose info, boia de ci mancherebbe altro !!! però potevate anche aggiungere di non usare più la macchina per viaggiare per il rischio di fare incidenti. sono un rappresentante livornese e sono sempre in viaggio, vi posso assicurare che il rischio è altissimo quindi non fate troppo gli intellettuali, certo nel sesso ci vuole attenzione ma tuuto dipende dal destino nella vita. saluto gli amici bolognesi e pensate alla topa, fate bene !!! :tease: :woottrizomeno:
 
Commenta
Registrato
28 Aprile 2008
Messaggi
3.312
Reaction score
10
Età
62
Località
Somwere in Bononia
lucaorsiniboy ha scritto:
concordo in tutto le vostre preziose info, boia de ci mancherebbe altro !!! però potevate anche aggiungere di non usare più la macchina per viaggiare per il rischio di fare incidenti. sono un rappresentante livornese e sono sempre in viaggio, vi posso assicurare che il rischio è altissimo quindi non fate troppo gli intellettuali, certo nel sesso ci vuole attenzione ma tuuto dipende dal destino nella vita. saluto gli amici bolognesi e pensate alla topa, fate bene !!! :tease: :woottrizomeno:

Ben detto: la Topa
non è mai Tropa


:w00t:
 
Commenta
Registrato
2 Maggio 2008
Messaggi
82
Reaction score
16
Aggiungo alla lista, pur esaustiva, lo sgradevole....

MOLLUSCO CONTAGIOSO

Si tratta di una malattia della pelle causata dal virus Molluscum contagiosumvirus (MCV). Essa è caratterizzata dalla comparsa di piccole lesioni a forma di noduli di qualche millimetro di diametro di colorito roseo o biancastro, con una leggera depressione centrale detta “ombelicatura”.Questi rigonfiamenti mollicci sono tra loro separati e sono presenti in un numero da 2 a 20 circa, ma il numero può essere anche maggiore. Le persone affette da importanti malattie del sistemaimmunitario possono avere manifestazioni più intense e diffuse. Le lesioni solitamente non sono dolorose né pruriginose e possono (raramente) scomparire da sole.

Come si trasmette
Il mollusco contagioso può essere trasmesso per contatto diretto da personaa persona o attraverso piccole lesioni della cute, attraverso oggetti, quali asciugamani o vestiti che vengono in contatto con le lesioni. Una tipica modalità è determinata dallo sfregamento di pube su pube... Quindi questo lo si può prendere anche utilizzando il profilattico (garantisco :sorry: ), basta il contatto diretto con la pelle, come per la scabbia e i pidocchi... e poi vallo a spiegare a tua moglie... :suicide2:

Cosa fare quando si verifica un caso
Terapia dermatologica con crioterapia e azoto liquido o attraverso il raschiamento della lesione (currettage). La rimozione dei noduli è consigliabile sia per impedire la trasmissione ad altre persone, sia per evitare il rischio di autoinfezione dopo grattamento.

Cosa non fare
Va evitato sia di grattare sia di spremere la lesione per evitare la fuoriuscita di secrezione biancastra, simile al sebo, molto infettiva perché ricca di virus.

Saluti,
Fracassio
 
Commenta
Registrato
28 Aprile 2008
Messaggi
3.312
Reaction score
10
Età
62
Località
Somwere in Bononia
frapazzio ha scritto:
Aggiungo alla lista, pur esaustiva, lo sgradevole....

MOLLUSCO CONTAGIOSO

Si tratta di una malattia della pelle causata dal virus Molluscum contagiosumvirus (MCV). Essa è caratterizzata dalla comparsa di piccole lesioni a forma di noduli di qualche millimetro di diametro di colorito roseo o biancastro, con una leggera depressione centrale detta “ombelicatura”.Questi rigonfiamenti mollicci sono tra loro separati e sono presenti in un numero da 2 a 20 circa, ma il numero può essere anche maggiore. Le persone affette da importanti malattie del sistemaimmunitario possono avere manifestazioni più intense e diffuse. Le lesioni solitamente non sono dolorose né pruriginose e possono (raramente) scomparire da sole.

Come si trasmette
Il mollusco contagioso può essere trasmesso per contatto diretto da personaa persona o attraverso piccole lesioni della cute, attraverso oggetti, quali asciugamani o vestiti che vengono in contatto con le lesioni. Una tipica modalità è determinata dallo sfregamento di pube su pube... Quindi questo lo si può prendere anche utilizzando il profilattico (garantisco :sorry: ), basta il contatto diretto con la pelle, come per la scabbia e i pidocchi... e poi vallo a spiegare a tua moglie... :suicide2:

Cosa fare quando si verifica un caso
Terapia dermatologica con crioterapia e azoto liquido o attraverso il raschiamento della lesione (currettage). La rimozione dei noduli è consigliabile sia per impedire la trasmissione ad altre persone, sia per evitare il rischio di autoinfezione dopo grattamento.

Cosa non fare
Va evitato sia di grattare sia di spremere la lesione per evitare la fuoriuscita di secrezione biancastra, simile al sebo, molto infettiva perché ricca di virus.

Saluti,
Fracassio

Che schifo! :crazy:
 
Commenta
Registrato
4 Giugno 2008
Messaggi
36
Reaction score
0
Va anche detto pero' che non tutte le professioniste sono disattente alla loro igiene, si vede quasi subito scegliendo la tipa e la cosa puo' essere confermata dal suo comportamento iniziale con noi. Certo il rischio c'e' ma se la tipa e' ok il rischio e' piu' basso! Come in tutte le cose del resto...
 
Commenta
Registrato
15 Giugno 2008
Messaggi
73
Reaction score
0
NO ATTENTI....ATTENTISSIMI

Ciao a tutti. Vorrei rendervi partecipe della mia esperienza: come voi a me piace andare a farmi fare un pò di...compagnia da ste simpatiche donzelle multietniche! essendo fondamentalmente un discreto cacasotto in materia di malattie...ho sempre fatto tutto (BJ compresi) col goldone. io, baldanzoso vigliaccaro di prima che vado a combinare? mi vado a scopare una mia amica (non una mignotta eh...una amica) che ho beccato in un pub vicino casa. io (imbarieg merz) me la porto a casa e me la guzzo senza il cappuccio (l'era imbariega merza neca lì...). morale della favola: dopo qualche settimana mi sale su un ascesso a un testicolo e una prostatite. non vi dico i simpatici esami che mi è toccato fare i il male che mi facevano le palle. e sopratutto ragazzi miei son cose lunghe da far passare.
tutto questo per dire: USATE SEMPRE IL COPERTONE, anche e sopratutto con le VOSTRE AMICHETTE....che fan tanto le santarelline ma son piu zoccole di quelle che lo fanno per mestiere.

Garantito dal Visconte

saluti a tutti! :preved:
 
Commenta
Alto