Politically uncorrect | Pagina 3 | PUNTERFORUM

Politically uncorrect

submale

Well-known member
*** Politically uncorrect ***

Ma solo a me l'Anastasiya di Roma sembra tanto la classica ucraina no prof?
ora spunta fuori il video nella cameretta che decisamente ha dato una svolta alle indagini. Ma per piacere. L’essere umano è morboso e questi siti da click bait che si spacciano per testate giornalistiche online subito pubblicano mangime per polli. Che ci frega del video ? Vogliamo il sangue, il turpe, il risvolto ad effetto, vogliamo sapere che la biondina era in combutta con i due balordi e quindi che vada crocifissa o messa al rogo...
 

submale

Well-known member
Hanno trafugato dal profilo Instagram della Anastasiya un breve filmato in cui era in camera da letto col fidanzato dediti ad esercizi di calcio alla bottiglia... il titolo era “SPUNTA IL VIDEO...”. Ovviamente ci ho cliccato anche io per poi scoprire di essermi auto annoverato nella categoria dei polli. Mi sfugge qual era l’autorevole testata autrice di questa cappellata. Dopo la cerco.
 

Poppo56

Active member
Poppo, qui la correttezza politica non c'entra nulla. Il termine "genitore" ormai ha travalicato il suo senso etimologico, come succede spesso nella lingua. Restare appiccicati all'etimologia porta spesso a prendere cantonate pazzesche. Lo sai che "stamberga" significava "casa solida"? Ecco, prova a chiamare stamberga la casa di un amico e vedi che cosa succede.
Che ti piaccia o no, "genitore" oggi, e da tempo, indica molto di più, e molto di diverso, dal semplice generare. Negare quel titolo a un genitore adottivo significa non riconoscergli una cosa importante a cui tiene. Ed è sbagliato e offensivo.
….la vediamo in modo così diverso che è inutile discutere….con ciò non voglio mancare di rispetto a nessuno e la chiudo qui restando con le mie idee ma rispettando gli altri…..
 

Poppo56

Active member
Te lo segnalo con tono leggero @poppo56...sarai sincero e lo crederai sicuramente ma quello che mi appare è tutt'altro.
...quello che appare non è quello che è....di sicuro per chiarirmi non sono un radical chic, nemmeno un salviniano o un saltellante grillino…..sono una persona libera non schierata che non ha bisogno ne ama apparire per ciò che non è e pertanto se ne infischia di concetti ipocriti di apparire "politicamente corretto", cerco di essere corretto nelle mie azioni.....chiudiamola qui perché visto che non ci conosciamo vorrei chiarirti che se qualcuno dubita della mia onestà intellettuale ( per la quale a volte pago il prezzo della impopolarità), già mi offende…..poiché mi pare che questa non sia tua intenzione, preferisco non proseguire con repliche….anche perché ho di meglio da fare…..
 

smith

Well-known member
Io non vorrei tornare sull'argomento ma a me suscita sempre qualche dubbio la "tesi" che un bambino, per essere allevato al massimo delle possibilità e non solo decentemente benchè anche decentemente vada già più che bene (e ripeto al massimo delle possibilità/auspici e non solo decentemente/meno peggio), debba per forza avere un padre e una madre eterosessuali che lo abbiano generato biologicamente.
Anche perchè spesso si aggiunge che "entrambi gli vogliano bene" ma si omette "e che si vogliano bene" quasi che quest'ultima condizione sia auspicabile ma non necessaria per ottenere, lo ripeto per la terza volta, una crescita e uno sviluppo al massimo delle possibilità reali.

Però questa è solo la mia dubbiosissima opinione e poi ritorno a chiudere per un altro po'.
 

Infizz

Active member
Sono dalla parte del carabiniere.

Quello che voleva buttare giù dalle scale l'inviato delle Iene che avevano fatto il grande scoop trovando un centro massaggi tre piani sotto gli uffici dei Nas.
 

smith

Well-known member
A me non sono mai più piaciute Le Iene da quando non avevano più il Trio Medusa (quindi parliamo del secolo scorso?) ma in questo caso il carabiniere ha pestato una m****.
Anche perchè allora aveva ragione Roberto Spada quando a tirato la testata al giornalista davanti alla propria palestra.
 

submale

Well-known member
Ha rischiato parecchio, in questo clima di euforia per l’imminente candidatura della sorella di cucchi nelle file del peedee(che sulla scheda alert orale scriverà “sorella di cucchi”), ha rischiato grosso davvero. Nessuno crede più alle cadute per le scale nelle caserme di provincia.
 

Infizz

Active member
A me non sono mai più piaciute Le Iene da quando non avevano più il Trio Medusa (quindi parliamo del secolo scorso?) ma in questo caso il carabiniere ha pestato una m****.
Anche perchè allora aveva ragione Roberto Spada quando a tirato la testata al giornalista davanti alla propria palestra.
No dai, il paragone non regge.
Sarebbe come andare a sfottere i militari di guardia al parlamento ed al Senato perché scattano sull'attenti anche se a passare è un onorevole pregiudicato
 

smith

Well-known member
Eh ma proprio come la guarda del parlamento deve rimanere sull'attenti anche se va uno davanti a calarsi le brache, anche un carabiniere, in caserma o no che sia, può solo fare uso legittimo delle armi o alzare le mani qualora stia ricevendo, non per primo, una violenza.
La cosa è troppo politicamente corretta?
Può essere ma è così.
 

luma

Women
Ma che senso ha andare a cagare il cazzo ai Nas, perché tre piani più sotto c'è un centro massaggi?
Perché un locale così non dovrebbe essere aperto, per diversi motivi, soprattutto rottura di scatole con certi signori che credono di provare a fare le stesse cose ovunque. Per me possono bruciare tutti.
 

Lafayette

Active member
Ma che senso ha andare a cagare il cazzo ai Nas, perché tre piani più sotto c'è un centro massaggi?
Si tratta di un vecchio schema di Davide Parenti, autore del programma e di altri ( individuo non privo di momenti di genialità, lo riconosco).
Si cerca una storia nella quale mettere lo spettatore nella condizione di sentirsi superiore ad un'autorità pubblica o privata: un esempio fu quello di sottoporre i parlamentari all'ingresso di Montecitorio a dei quiz di cultura generale , con le risposte scritte nel sottopancia e dunque visibili allo spettatore, in modo da far sentire quest'ultimo molto più intelligente e preparato di chi veniva interrogato in video (*).
Con la messa alla berlina dei Carabinieri del caso da Lei citato, Professore, a mio avviso si sfrutta malamente la coda "anarchica" dell'effetto Cucchi, tramite una generalizzazione "sputtanante" del seguente tipo: chiunque di noi si sarebbe accorto di quanto accadeva due o tre piani più sotto ed avrebbe fatto qualcosa, dunque i militi della Benemerita sono proprio disastrosi in ogni loro manifestazione, Nas compresi.
Poco importa all'autore tv se l'eventuale irruzione nel centro massaggi , probabilmente , non avrebbe avuto vere ripercussioni giuridiche e giudiziarie: se ad esempio fosse emerso che nel centro massaggi non vi era sfruttamento, e magari che anche la parte fiscale era in regola.
Quel che conta, per tanto becerume televisivo e fin dalle sue origini, è cavalcare la prima onda che passa e sfruttarla al massimo, così come impone la vecchissima e brutta tradizione popolare italiana per la quale gli sbirri sono tutti cattivi, gli intellettuali tutti inutili, le donne tutte puttane salvo madri e sorelle, le prostitute tutte colpevoli di un reato ( anche se la legge non lo prevede).
Ritengo da tempo che la televisione nel nostro paese abbia svolto una decisiva funzione di aggregazione dei cittadini non tanto perché li ha istruiti o educati, ma soprattutto perché li ha assecondati e coccolati nei loro aspetti più superficiali e grossolani.

(*) lo rilevò con acume Guia Soncini, prima di finire strapazzata nella questione delle mail spiate.
 

smith

Well-known member
Ma che senso ha andare a cagare il cazzo ai Nas, perché tre piani più sotto c'è un centro massaggi?
Qualche anno fa é successa la stessa identica cosa sotto il comando polizia municipale della mia città.
Night club "sportivo" al piano di sotto, vigili praticamente sopra.
Le Iene che si presentano al comando dei vigili chiedendo numi sulla situazione presente ormai da anni (tra le altre cose secondo me fu una spiata).
Vigili imbarazzati che non sapevo cosa rispondere con alcuni prima sorridenti davanti alle telecamere e un secondo dopo che cercavano di nascondersi anche dentro i cassetti delle scrivanie.

Risultato: locale chiuso e sputtanamento dei vigili.

Che senso avesse non lo so ma la situazione obiettivamente era a dir poco contraddittoria.
 
Alto