DISCUSSIONE - COVID19 e argomenti correlati | Pagina 365 | PUNTERFORUM

DISCUSSIONE COVID19 e argomenti correlati

Registrato
29 Gennaio 2017
Messaggi
178
Reaction score
163
Località
Lombardia
Impossibile.
Il Covid si diffonde solo nei baretti e nei ristoranti, soprattutto a mezzogiorno. Anche nelle palestre e nelle piscine, per non parlare di quei disgraziati di cinema e teatri.
Infatti appena hanno chiuso le suddette attività il covid ha smesso di circolare.
Per questo motivo Speranza vincerà i prossimi Nobel per la pace e per la medicina, divenendo il primo a vincerli entrambi contemporaneamente.

No scherzavo... l'articolo dibrepubblica è visibile solo agli abbonati.
Ma è così solo per me?
 
Commenta
Registrato
8 Ottobre 2008
Messaggi
5.607
Reaction score
1.036
Ma poi quando baretti, ristoranti, palestre, piscine, cinema e teatri riapriranno poi il bancomat e la carte me la prenderanno, anche solo per spesa 1 €, in ottica anche cashback magari oppure continueranno a dirmi che hanno la macchinetta rotta.
Perchè se mi fanno l'ultima ipotesi io penso di aver lecitamente il diritto di pensare che sono dei pagliacci.

Per l'articolo penso che dipenda dal browser che usi.
 
Commenta
Registrato
2 Agosto 2016
Messaggi
9.081
Reaction score
9.501
Località
Torino
Non dipende dal Browser, l'accesso alla lettura dell'articolo è riservato agli abbonati.
 
Commenta
Registrato
8 Ottobre 2008
Messaggi
5.607
Reaction score
1.036
Io sono solo registrato e non abbonato. Con un certo tipo di browser leggo tutto.

Se vi interessa, violando il copyright, vi faccio copia incolla del testo.
 
Commenta
Registrato
24 Luglio 2014
Messaggi
104
Reaction score
145
Località
Capitale sabauda
Non dipende dal Browser, l'accesso alla lettura dell'articolo è riservato agli abbonati.
Certo che dipende dal browser ;)

Safari permette la lettura in vista reader, senza immagini.
Firefox su Mac non lo apre.
TOR si legge tutto, con tanto di immagini.
Brave idem.
Nessuna registrazione.
Altri non li ho provati.
Smettetela di usare Chrome :ROFLMAO:
 
Commenta
Registrato
4 Giugno 2010
Messaggi
999
Reaction score
110
La butto lì. Un anno e passa per trovare un vaccino, che dia una forma di protezione più o meno sicura a tutti. Non si poteva fare lo stesso sforzo di ricerca in direzione di una cura per la malattia? Mi spiego il vaccino va inoculato a tutti i sani (o la maggior parte) tra cui quelli che non si ammaleranno mai in maniera grave ed anche agli immuni per natura, mentre la cura ovviamente se trovata ti consente di curare bene solo gli ammalati. I lockdown hanno funzionato a fasi alterne, quello che è saltato è il tracciamento. Il lockdown senza tracciamento serve a poco, lascia tutto all'autocoscienza dei singoli. Infine ancora un occhio ai numeri. Stanno facendo passare il concetto che per forza di cose siamo tutti contagiati o contagiabili, quando per adesso i dati ufficiali parlano dell'1,8% di positivi nel mondo e di una stima che direbbe che sono 6 volte di più, diciamo pure 10%, perché questo sforzo immane nel vaccinare il 90% della popolazione, non era più facile concentrarsi su una cura?
 
Commenta
Registrato
8 Ottobre 2008
Messaggi
5.607
Reaction score
1.036
E secondo te non ci hanno e non ci stanno provando?
Ti ricordi tutte le sperimentazioni, anche le più bislacche, che hanno provato con i farmaci all'inizio?
Retrovirali dei più strani. La tanto amata idrossiclorochina (che avvelena in verità invece).

Il "problema" è che che i vaccini a RNA messaggero, contrariamente a quello che si crede e non è stato detto fin dall'inizio, li stavano studiando da almeno 15 anni.
Incidentalmente hanno avuto finalmente l'occasione per sperimentare velocemente la fase finale sulle persone.

E anche le altre tecnologie di vaccini più tradizionali, una volta sequenziata la proteina spike, era una tecnolgia già sullo scaffale.

Io comunque è un anno che non riesco a capire una cosa: tutta questa smania di contagiarsi, ammalarsi per essere curati.
Non è molto meglio avere un vaccino che evita di ammalarsi a prescindere?
 
Commenta
Registrato
4 Agosto 2017
Messaggi
354
Reaction score
274
Località
Veneto
Se sviluppi una cura deve essere di tipo domiciliare e facilmente somministrabile, viceversa gli ospedali vengono ugualmente presi d'assalto una volta che lasci circolare liberamente il virus.
Tutto ciò se la cura si basasse su un farmaco già testato e sicuro, per lo sviluppo di un farmaco nuovo i tempi credo si allungherebbero notevolmente.
 
Commenta
Registrato
27 Maggio 2008
Messaggi
5.615
Reaction score
3.474
Non credo si siano risparmiati su alcun fronte di ricerca.

Provo a fare una ipotesi. (tra l'altro ripescando da cose gia' dette in questo thread pagine addietro...)

Sto virus ha alla base gli stessi meccanismi dell'influenza.

Esiste una cura per l'influenza? Non mi risulta.

Aspirina sopra i 12 anni. Tachipirina per tutti gli altri. Esclusi eventuali allergici/intolleranti.

7 giorni a letto per tutti. La maggior parte se ne torna alla vita di prima. Qualcuno ci lascia comunque le penne. (pochi, ma ci sono sempre stati)

Poi nella ricerca farmaceutica ci sono dei percorsi che al netto di nuove scoperte e nuove tecniche sono ben conosciuti e con una certa attendibilita' di risultato.

Siccome in una situazione tale quale stiamo vivendo il fattore tempo e' decisivo, non possiamo sperare in una scoperta casuale.

I vaccini probabilmente erano la via piu' breve per iniziare a tamponare i danni.

Questo non esclude che fuori dai riflettori la ricerca di un farmaco non stia comunque andando avanti.

Ci siamo gia' scordati i tentativi dei primi tempi anche stampalati di usare farmaci esistenti, a volte anche farmaci che niente avevano a che fare con l'influenza? La scienza funziona cosi', ipotesi, tesi, tentativi di dimostrazione, fallimenti, e daccapo.

Senza contare che neanche la ricerca sui vaccini si e' fermata ai primi risultati.

Se ti si rompe il tubo dell'acqua in casa e' ovvio che provi prima a chiudere il contatore, ma se il contatore e' bloccato e non riesci a chiuderlo in tempi brevi provi a metterci una tappa, in attesa dell'idraulico per rallentare l'allagamento...
 
Commenta
Registrato
8 Ottobre 2008
Messaggi
5.607
Reaction score
1.036
Ma sopratutto: un vaccino attualmente, quello che costa di più, costa meno di 20 dollari.

Veramente si crede che una qualsiasi cura invece ne costerebbe di meno, magari con più farmaci combinati?

Anche economicamente, cosa converrebbe fare?

Poi se fosse veramente vero che i vaccini evitassero, non solo le morti ma anche i ricoveri in terapia (corretto il discorso di Nasello: una cura potrebbe aver senso se e solo se riesci sempre a curare domiciliarmente) che senso avrebbe curare la gente invece che evitare che si ammali?

Guardate che anche una qualsiasi cura non è che sarebbe comunque come bere un bicchier d'acqua per il nostro orgamismo.
Idem passare la malattia: è una bella botta lo stesso.
Forse i giovani si riprendono al 100%, o hanno il tempo per farlo, quelli di mezza età che lo hanno passato magari lo scopriamo tra anni che botta gli ha dato e se ha anche un po' accorciato l'aspettativa di vita.
 
Commenta
Registrato
17 Ottobre 2012
Messaggi
577
Reaction score
217
Meglio A-team, perché c'è il colonnello Hannibal Smith 🤣
C'era. È morto. :(
(intendo l'attore che lo impersonava, George Peppard, non il personaggio).

Per altro George Peppard credo che d'altro, nella sua vita, avesse fatto solo "Colazione da Tiffany". E, mi pare, un film mediocre che avevo adocchiato una volta in TV sulla vita del Barone Rosso.
paragonato ai Me contro Te.
paragonato ai che??? :shok:
 
Commenta
Registrato
20 Marzo 2014
Messaggi
457
Reaction score
132
Località
Culandia
Se sviluppi una cura deve essere di tipo domiciliare e facilmente somministrabile
Non c'è nulla da sviluppare che non esista già.
Quello che tutti tendono ad ignorare è la denuncia fatta dai medici generici ormai mezzo anno fa.
E' stato preso atto che intervenire tempestivamente sui pazienti, presumibilmente infetti da covid, direttamente al domicilio, con le classicissime cure conosciute, azzera le ospedalizzazioni e salva la totalità dei pazienti, compresi anziani e persone con malattie pregresse.
E' stato anche riconosciuto che l'utilizzo dell'anticorpo monoclonale azzera praticamente la possibilità che l'infezione degeneri in polmonite bilaterale interstiziale ... e vorrei ricordare che, tale anticorpo monoclonale, fu offerto GRATUITAMENTE dalla casa farmaceutica che lo produce qui in ITALIA.
Naturalmente la perspicacia dei nostri governanti, unita al pachiderma burocratico balordo, hanno vanificato ogni buona e samaritana intenzione, rigettando al mittente l'offerta senza neanche un grazie comunque in coda.
Altrettanto naturalmente l'autorità sanitaria poi, resasi conto della minchiata fatta, è ora in lista d'attesa per ricevere quel farmaco A PAGAMENTO.
Il protocollo attuale obbliga a isolare gli infetti da covid e lasciarli alla mercé del fato, questo è il vero problema.
Se qualcosa c'è da sviluppare è un nuovo e più sensato protocollo.
Si ok, serve anche un'organizzazione e una programmazione da Stato serio... e qui la vedo veramente dura.
 
Commenta
Registrato
20 Marzo 2014
Messaggi
457
Reaction score
132
Località
Culandia
paragonato ai che??? :shok:
images

Per info più dettagliate rivolgiti ai bambini dai 3 ai 7 anni
 
Commenta
Registrato
15 Aprile 2019
Messaggi
256
Reaction score
582
Località
Piemonte
...e ora la parola al Dottore Bassetti..
che mette in primis una vena di ottimismo che negli ultimi mesi si sta sperimentando un nuovo antivirale nella cura del covid, il Molnupiravir....
«La prevenzione da un lato mi permette di essere ottimista, allo stesso modo sono fiducioso perché oggi abbiamo imparato a distinguere cosa poter usare e cosa no. Penso che il modo di vedere questa malattia sia di porre tutto sotto la lente d’ingrandimento della scienza. In caso contrario si rischia di dare voce agli stregoni, cosa assolutamente da evitare»....
 
Commenta
Alto